A proposito di piastrelle (II parte)

Progettazione

Come sceglierle in base alla loro destinazione d'uso

Dopo aver dato un'occhiata da vicino alla posa e al lato estetico delle piastrelle ceramiche, ora mettiamo sotto la lente d'ingrandimento la scelta in base alla loro destinazione d'uso.
Quali caratteristiche devono avere per adattarsi ai nostri ambienti?
A queste e ad altre domande proviamo a rispondere facendo riferimento a dettagli tecnici, che sono più difficili da individuare, ma importanti da sapere per un acquisto consapevole.

Le piastrelle hanno differenti caratteristiche di resistenza alle sollecitazioni

Non esiste un tipo di piastrella o un singolo prodotto che possa dirsi adatto a qualunque uso e a qualunque ambientazione.


Gli esperti del settore come Ceramics of Italy partono tutti da un assunto imprescindibile:
"Non esiste un tipo di piastrella o un singolo prodotto che possa dirsi adatto a qualunque uso e a qualunque ambientazione".
Detto questo, non ci resta che sapere che le piastrelle hanno differenti caratteristiche di resistenza alle sollecitazioni.
Le condizioni di esercizio, cioè le condizioni cui la piastrellatura sarà sottoposta e a cui dovrà resistere una volta installata nell'ambiente, sono di diverso tipo:
- meccaniche (sollecitazioni che agiscono a carico del rivestimento su pavimento o parete)
- chimiche (sostanze chimiche che agiscono sulla superficie o sugli strati sottostanti)
- igrotermiche (temperatura e umidità)

Sono quindi caratteristiche di importanza fondamentale, in quanto da esse dipende la durabilità della piastrellatura, anche se di ottima qualità.
La scelta si orienterà quindi sulla valutazione degli ambienti da rivestire, sulla loro funzione e tipologia.
Ad esempio per un ambiente in cui sono prevedibili elevate sollecitazioni meccaniche, occorrerà orientarsi su piastrelle dotate di queste caratteristiche di resistenza.

Un'altro piccolo consiglio riguarda lo spessore.
Le piastrelle per i pavimenti e quelle per i rivestimenti non devono essere della stessa tipologia per quanto riguarda le dimensioni.
Quelle del primo tipo sono di spessore superiore rispetto a quelle del secondo tipo (in genere sono superiori ai 7 mm).
L'utilizzo a pavimento di piastrelle da rivestimento comporta dei rischi notevoli di rotture ed è pertanto sconsigliabile.
Temi e prodotti correlati
Scopri altri articoli legati a queste tematiche e i prodotti di cui abbiamo scritto
Iscriviti alla newsletter
Vuoi ricevere direttamente al tuo indirizzo di posta elettronica newsletter sul mondo Scavolini?