Disporre le funzioni in base alla composizione

Progettazione

Alcuni esempi di organizzazione razionale dei moduli in cucina

Primi elementi da considerare quando si sceglie una cucina sono la quantità di spazio e, soprattutto, la sua disposizione.
E' quasi sempre possibile riuscire a realizzare una composizione abbastanza completa, basta non perdere mai di vista l'organizzazione razionale delle quattro funzioni principali: conservazione, lavaggio, preparazione e cottura.

La composizione lineare è spesso preferita anche quando c'è abbondanza di spazio

Essenziale nella sua configurazione, concentrando funzioni e prestazioni in un'unica parete, rende più agibile lo spazio.

Tutto su una parete
Non è solo adatta alle stanze strette e lunghe.

Con il diffondersi delle soluzioni "open space" che hanno eliminato il limite fra gli ambienti, la composizione lineare è spesso preferita anche quando c'è abbondanza di spazio.

Essenziale nella sua configurazione, concentrando funzioni e prestazioni in un'unica parete, rende più agibile lo spazio.
Nel disegno riportato si suggerisce una possibile sistemazione dei vari elementi: da destra si hanno le due colonne affiancate del frigorifero e del forno (con un ampio spazio dedicato a dispensa); subito accanto è posizionato il lavello, che ha al di sotto pratici cestelli estraibili; nella zona attigua, infine, il piano cottura con la cappa.

Intervallati fra lavello e piano cottura si trovano due porzioni di piano, utili alla preparazione e alcuni cassetti e sportelli che possono essere utilizzati per sistemare accessori e cibo.
Due blocchi funzionali
E' una composizione più articolata, che separa in due blocchi le funzionalità della cucina.
Questo tipo di organizzazione si applica anche meglio della precedente agli ambienti comunicanti, perché questa distribuzione dei moduli non è più legata alle logiche tradizionali.
Nel blocco principale si trovano al centro la zona lavaggio affiancata a destra da un ampio spazio per la preparazione e a sinistra i fuochi. A cornice sono disposti basi e pensili capienti, dove distribuire ogni cosa.
In un'altra parete si trova il blocco secondario: un' armadiatura ospita il frigorifero, una serie di cestelli estraibili e il forno.
Soluzione ad angolo
La cucina disposta in questo modo dà continuità e consente di distribuire le funzionalità nella maniera più razionale.
Gli spazi di intervallo fra una zona funzionale e l'altra si dilatano, consentendo l'inserimento di più moduli dedicati allo stivaggio e alla conservazione.
L'angolo, nell'esempio riportato, è dedicato alla zona cottura.
Il frigorifero chiude il lato sinistro della composizione; al centro del segmento principale è presente il lavello; il piano di preparazione ha un ruolo privilegiato, estendendosi ampiamente sul terminale destro.
Temi e prodotti correlati
Scopri altri articoli legati a queste tematiche e i prodotti di cui abbiamo scritto
Iscriviti alla newsletter
Vuoi ricevere direttamente al tuo indirizzo di posta elettronica newsletter sul mondo Scavolini?